HOME
cerca nel sito: categoria:
Rete Job | Candidati | Aziende | Formazione | Notizie dal Servizio | Links | Mappa | Contatti | Guida al portale
Sito in fase di aggiornamento a seguito del riordino delle Province (L. 56/14 e L.R. Marche 13/15)

Hai bisogno di aiuto?

Consulta in tempo
reale i nostri operatori
specializzati.

Home > Notizie dal Servizio > Accertamenti sulle dichiarazioni ISEE (Redditometro)

Accertamenti sulle dichiarazioni ISEE (Redditometro)

Dal 1° gennaio 2004 sono operative, presso i Centri per l’impiego, le nuove regole sull’avviamento a selezione presso le pubbliche amministrazioni.  Tali regole hanno determinato una ridefinizione dei criteri utilizzati per la formazione delle graduatorie e utilizzano come unico strumento di ordinamento il dato ISEE. 
 

In relazione alla natura sperimentale delle disposizioni si sono individuate alcune criticità  nell’accertamento e verificabilità del dato ISEE, il quale lascia ampio spazio ad elementi autocertificati che influiscono, sulla graduatoria per gli avviamenti.  Stando alle nuove regole, i CPI acquisiscono dai lavoratori il dato certificato da Enti esterni (CAAF, INPS, ecc,) e lo utilizzano come elemento certo per la redazione delle graduatorie sui presenti.

Dopo quanto esposto, a fronte del verificarsi di incongruenze e di situazioni problematiche relative all’accertamento dei dati autocertificati, ci si è proposti, a livello provinciale, di definire una linea di indirizzo coerente con la normativa in materia di controlli ed accertamenti.    A tal fine, si è riunito in data 12 Maggio u.s. l’Organo Tecnico in materia di ricorsi così come deliberato dalla CPL nella seduta del________.

       Nella riunione del citato Organo tecnico si sono evidenziati tre tipi di problemi:

-         omissione di componenti nel nucleo familiare di appartenenza

-         omissioni nel reddito dichiarato.

-         significativa presenza di nuclei familiari con reddito ISEE pari a 0 (zero)  

      

       La procedura  proposta dal gruppo tecnico che, con la presente, si convalida al fine di regolamentare le verifiche dei dati autocertificati dai lavoratori, è la seguente:

1.      pubblicazione della graduatoria ed avviamento a selezione degli aventi diritto;

2.      contestuale recapito, agli stessi,  della lettera informativa sulle conseguenze derivanti da  dichiarazioni non veritiere (Vedi allegato “A”);

3.      avvio della procedura di controllo delle dichiarazioni degli avviati, inviando formale richiesta all’Ufficio Unico delle Entrate;

4.      Se dalle verifiche effettuate emergessero comprovate dichiarazioni mendaci non rettificate dall’utente a seguito del primo invito (Rif. lettera allegato “A” di cui sopra) il Centro per l’Impiego di riferimento procederà a revocare la posizione in graduatoria, con gli eventuali benefici connessi,  ed avvierà la procedura di segnalazione alle Autorità competenti.

Infine nel caso in cui giungessero, ai CPI di riferimento, segnalazioni nominative circa la non attendibilità di situazioni autodichiarate da soggetti appartenenti ad una specifica graduatoria, da parte di controinteressati,  si procederà con l’attivazione di controlli per i nominativi segnalati presso l’Agenzia delle entrate

Stemma Provincia
 
 
 
 

Guida | Contatti | Segnalazione Malfunzionamenti | Credits | TWITTER | Cookie Policy
Provincialavoro.it
Copyright 2002 - 2012 Provincia di Pesaro e Urbino